Arte e scienza

Sono stato a Venezia per la Conferenza dell’EPS (European Physical Society) a presentare le mie idee sulla maniera di spiegare il meccanismo di Higgs e la meccanica quantistica, in generale, agli studenti delle scuole superiori. In una pausa, avendo già visitato Venezia in altra occasione, ho pensato di fare un giro in posti non troppo turistici e sono andato a vedere la Scala Contarini del Bovolo: un bell’esempio di architettura tardo gotica.

Casualmente scopro che presso la scala è in corso una mostra di opere di Pablo Echaurren dal titolo “Du champ magnétique“, che evidentemente risuona col mio mestiere di fisico. Ma le coincidenze non finiscono qui. Il titolo allude, oltre che al campo magnetico, al nome di Marcel Duchamp, autore di una celebre opera intitolata Fontana, di cui ne è conservato un esemplare presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. L’opera in questione è in realtà un orinatoio, di cui si trovano le tracce in un’opera esposta nella mostra di Echaurren.

IMG_20170709_110906

La cosa è interessante perché le mie lezioni di fisica iniziano con la proiezione in aula dell’immagine della Fontana di Duchamp e la richiesta agli studenti di dire di cosa si tratta. Dopo le prime risposte accompagnate da risate li informo che si tratta di un’opera d’arte che molti di loro hanno giudicato, per dirla con Fantozzi, una cagata pazzesca, ma che io invito ad andare a vedere.

Il fatto è che quella che molti giudicano una cagata (sebbene la funzione originale dell’oggetto illustrato sia un’altra), per alcuni è un’opera d’arte e non c’è modo di mettere d’accordo tutti su una questione di questo genere. L’arte, infatti, non si misura: non esiste uno strumento che misuri l’arte. Esistono invece strumenti che misurano temperature, masse, correnti elettriche, etc.. È per questo motivo che il calore, il peso, i circuiti elettrici sono argomenti trattabili da un fisico, mentre l’arte, la religione, la bellezza, l’amore non lo sono. Per un fisico esiste solo ciò che si può misurare. Intendiamoci: è ovvio che esiste l’amore, la bellezza, le ambizioni, i sogni, etc., ma tutte queste cose non possono essere d’interesse professionale per un fisico.

Oltre all’ossessione per Duchamp che si manifesta nella mostra, ci sono altre opere chiaramente ispirate dalla scienza e in particolare dalla fisica, come quelle qui sotto.

Quelle con le strisce di carta possono sembrare del tutto estranee al tema, ma non se se ne conoscono i titoli che sono “Per prendere le misure” e “La misurazione del caso“. E in effetti uno dei primi problemi che un fisico affronta è quello della misura per la quale deve costruire un campione. Il campione è arbitrario e uno dei primi campioni che usiamo nel mio corso è proprio una striscia di carta, salvo poi rendersi conto che presenta alcuni evidenti problemi per cui bisogna abbandonarlo in favore di campioni più solidi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...