Ricerca

Attualmente lavoro all’esperimento CMS all’acceleratore LHC del CERN. Per questo esperimento ho progettato e costruito il calorimetro elettromagnetico con il quale è stato scoperto il bosone di Higgs nel 2012.

Attualmente sono responsabile del database dell’online del calorimetro e faccio parte del Publication Committee della collaborazione, che sovrintende alla pubblicazione degli articoli scientifici.

Sto collaborando allo sviluppo di nuovi calorimetri per le opzioni future di LHC (HI-LHC e HE-LHC).

Sto inoltre lavorando alla preparazione dell’esperimento PADME per la ricerca di segnali di materia oscura.

Dirigo l’infrastruttura di calcolo della Sezione di Roma dell’INFN che serve gli esperimenti LHC: ATLAS e CMS. L’infrastruttura si compone di dieci rack raffreddati ad acqua nei quali è installata una potenza di calcolo pari ad alcune migliaia di core di calcolo e oltre 1 PB di spazio disco. Si tratta di un centro tra i più ecologici del mondo con un PUE attorno a 1.4.

Link interessanti
LHC online monitor
CMS live event display

Curriculum

Mi sono laureato a Roma nel 1991 con il Prof. Bruno Borgia, con una tesi sulla calibrazione del calorimetro elettromagnetico dell’esperimento L3 a LEP.

È così che ho iniziato a lavorare a questo esperimento, diretto dal premio Nobel Samuel C. C. Ting, per il quale ho svolto diverse attività: dall’analisi di eventi di collisioni elettroni-positroni, alla calibrazione dello strumento con i raggi cosmici, alla progettazione, costruzione e installazione di un calorimetro elettromagnetico per migliorare l’ermeticità del rivelatore.

Qui ho sviluppato i primi algoritmi genetici della Fisica delle Alte Energie e ho cominciato a occuparmi di calcolo scientifico.

L3 ha contribuito notevolmente alla conoscenza delle interazioni elettrodeboli eseguendo numerose misure di altissima precisione, come la massa dei bosoni vettori intermedi e il numero di famiglie di neutrini leggeri.

Alla chiusura di LEP ho iniziato a lavorare nella collaborazione CMS a LHC, per la quale ho realizzato i primi studi per il miglioramento delle caratteristiche dei cristalli scintillanti di tungstato di piombo che sono poi stati impiegati per la costruzione del suo calorimetro elettromagnetico. Ho realizzato misure in laboratorio e simulazioni Monte Carlo della raccolta di luce.

Nel corso della mia collaborazione con CMS ho contribuito all’introduzione del paradigma Object Oriented nella Fisica delle Alte Energie.

Terminata la fase di ricerca e sviluppo, ho contribuito alla realizzazione di un Centro per la costruzione dei moduli dello strumento nel quale una macchina da me progettata e realizzata sotto la mia supervisione eseguiva tutte le operazioni di certificazione dei cristalli in maniera automatica. Il lavoro dei tecnici era quindi coordinato da un sistema informativo sviluppato sotto la mia direzione.

Il calorimetro, una volta installato, ha permesso di scoprire il bosone di Higgs nel 2012, grazie al decadimento in due fotoni.

La control room di CMS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...