Simulazione di campi magnetici

Nei giorni scorsi, preparando le mie lezioni di Fisica per Biotecnologie, cercavo un modo efficace di spiegare qualitativamente come mai il campo magnetico prodotto da molte spire sia relativamente uniforme all’interno e poco intenso all’esterno del gruppo di spire. Volevo anche includere questa spiegazione nel mio e-book Fisica Sperimentale, che sono vicino a terminare (almeno per quanto riguarda i suoi contenuti: la forma e le eventuali correzioni richiederanno ancora molto tempo).

Non trovando nulla di soddisfacente sulla rete ho deciso di scrivere da me il software necessario (il codice è disponibile su bitbucket). In fondo non è difficile. Si parte da un filo percorso da corrente che produce un campo magnetico le cui linee di forza sono circonferenze centrate sul filo e la cui intensità è data dalla Legge di Biot-Savart.  Una spira circolare, a questo punto, si può pensare come a una coppia di fili: per simmetria, infatti, due punti opposti sulla spira sono equivalenti a tutti gli altri e ciascuno produce un campo equivalente a quello prodotto da un filo tangente alla spira in quel punto.

Avendo a disposizione il campo di una spira si può calcolare quello prodotto da molte spire semplicemente sommando (vettorialmente) quello prodotto da ciascuna di esse in un dato punto dello spazio.

Ho così scritto un programma che calcola il campo di N spire sovrapposte e di una spira che si trova a una certa distanza da queste, con l’asse allineato a quello delle altre. Facendo variare la distanza di quest’ultima spira se ne simula l’avvicinamento al gruppo di N spire. Per ogni distanza produco quindi un grafico che rappresenta con un codice di colori l’intensità del campo in un punto e uno nel quale disegno i vettori campo in punti selezionati. Salvo i grafici in altrettante immagini e da queste genero un gif animato che fa vedere come evolve il campo in questione.

Qui sotto si vede l’animazione che rappresenta le N spire che cadono l’una sull’altra: l’intensità del campo magnetico tra le spire diventa via via più grande e uniforme (in bianco sono rappresentati i campi più intensi).

Nel video sotto invece si vedono i vettori campo magnetico in diversi punti dello spazio. Si può notare come, vicino a una singola spira, il vettore campo descriva circonferenze concentriche attorno alla spira. Sommandosi, i campi di molte spire danno luogo a un campo praticamente uniforme all’interno del solenoide formato da tante spire e orientato come il suo asse.

Le immagini sono state ottenute con gnuplot e i filmati con il programma convert di Linux.

Se siete interessati ai dettagli potete contattarmi agli usuali recapiti. Il codice è rilasciato con licenza GPL ed è quindi pubblico e utilizzabile da chiunque.

Annunci

Getting data over the Internet with Arduino

In my previous post on the subject I showed how to configure the Arduino Ethernet shield, in such a way you can save a lot of memory. Now it’s time to use the shield for something useful.

Arduino is mostly used to take data from sensors and to drive actuators to perform actions (such as motors, servos, relays, etc.). In this post we are going to use Arduino to collect some data (e.g. temperatures) and store them on a computer disk for subsequent analysis. As a physics teacher, in fact, I am interested in using Arduino as a laboratory tool and in physics you always collect data from experiments to be analysed offline.

Then, suppose you want to perform the following calorimetry experiment: take a resistor and wrap it in a waterproof material; then connect its leads to a voltage generator and make current flow through it. If R is the resistance of the device and V the voltage across its leads, the Ohm’s Law states that the current flowing is I=V/R. The resistor dissipates heat, because of the Joule’s effect, as W=RI2, where W is the amount of energy per unit time. If you plunge the resistor into water, the energy released by the resistor causes the heating of the water and you expect that the temperature of the water raises linearly with time.

You can perform this experiment using an LM35 connected to an Arduino to measure the water temperature versus time (the sensor leads must be made waterproof, of course, e.g. using some heat-shrink tubing). An Ethernet shield can then be used to send data to a computer.

Let’ start looking at the Arduino sketch, shown below.

#include <Ethernet.h>
#include <SPI.h>

#define PORT 5000
#define LM35PIN A0

byte mac[] = {0x5e, 0xa4, 0x18, 0xf0, 0x8a, 0xf6};
IPAddress arduinoIP(192, 168, 1, 67);
IPAddress dnsIP(192, 168, 1, 1);
IPAddress gatewayIP(192, 168, 1, 1);
IPAddress subnetIP(255, 255, 255, 0);

EthernetServer server(PORT);
boolean notYetConnected;

void setup() {
  Ethernet.begin(mac, arduinoIP, dnsIP, gatewayIP, subnetIP);
  notYetConnected = true;
}

void loop() {
    int i = 0;
    EthernetClient client = server.available();
    if (client) {
      if (notYetConnected) {
        client.println("Welcome!");
        notYetConnected = false;
      }
      if (client.available()) {
        unsigned long now = millis();
        int lm35 = analogRead(LM35PIN);
        now += millis();
        double T = 5000.*lm35/10240.;
        server.print(0.5*now);
        server.print(" ");
        server.println(T);
      }
    }
} 

The first include directives are needed to use the Ethernet shield. Then we define two symbols: PORT is used to send data over the Internet, LM35PIN represents the Arduino pin to which the LM35 sensor is connected.

Besides the addresses used to configure the Ethernet shield (see my previous post), a number of data members are defined: in particular, the EthernetServer object called server is instantiated, listening on port PORT. This creates an object in the Arduino memory that connects to the Internet and waits for signals on the given port, represented as an integer (5000 in the example).

The setup() method just initialise variables and configure the Ethernet shield. The most interesting part is in the loop() method. Here we instantiate (create) an object called client of class EthernetClient. Such an object is returned by the server object that continuously polls the port to which is connected. If no client is connected, the server returns NULL. Then, as soon as client is found to be not NULL, and available for communication, we can send and receive data to/from it.

Before sending data we must get them: first of all we obtain the current time as the number of milliseconds elapsed since the beginning of the execution of the sketch (we don’t care about the absolute time of the event). This time is returned by the function millis() and is represented as an unsigned long integer, i.e. a binary code of 32 bits. With 32 bits, the highest number that can be represented is 232-1= 4294967295. Dividing this number by 86400 (the number of seconds in a day) and by 1000 we get about 50: this is the number of days during which the millis() can work without reaching the overflow condition. In other words, there is plenty of time to perform our experiment.

Then we get the reading from the LM35 sensor using analogRead and measure the time again. Averaging the last time with the one previously measured provides a better estimate of the time of reading. Note that, in between, we just read raw data, in such a way we minimise the time spent in data acquisition and obtain the time with as much precision as possible. Computing the temperature in degrees is made after getting the time: the analog pin reading is a 10 bits binary number: its highest value (1024) corresponds to an input of 5 V, i.e. 5000 mV. The actual temperature, in Celsius, can be obtained reading the output voltage of the sensor divided by 10.

To transmit data to a remote client, it’s enough to call the print method of the server object. We then print the time reading, a blank and the actual temperature. Without any delay in the loop(), the sketch will read temperatures at a rate of one measurement every few milliseconds (quite fast, indeed).

In order to collect those data on a computer you need an Internet client that connects to the Arduino port 5000, writes some data on that port to announce it (knock, knock) and waits for data. An example of such a program in C is below.

#include <stdio.h>
#include <string.h>
#include <arpa/inet.h>

#define PORT 5000
#define ADDRESS "192.168.1.67"

int main() {
  int len;
  int i;

  /* create socket */
  int sock = socket(AF_INET , SOCK_STREAM , 0);
  if (sock <= 0) {
    printf("Can't create socket. Error");
    return -1;
  }

  struct sockaddr_in server;
  server.sin_addr.s_addr = inet_addr(ADDRESS);
  server.sin_family = AF_INET;
  server.sin_port = htons(PORT);

  /* connect */
  if (connect(sock , (struct sockaddr *)&server , sizeof(server)) < 0) {
    printf("can't connect to the server. Error");
    return -1;
  }

  printf("CONNECTED: hit return to start DAQ\n");

  char message[255];
  scanf("%s", message);
  send(sock, message, strlen(message), 0);

  /* read */
  while (1) {
    unsigned char c;
    recv(sock, &c, sizeof(unsigned char), 0);
    printf("%c", c);
  }

  return 0;
}

Briefly, we first create a so-called socket to make a connection between the client and the server (the Arduino). We must connect the socket to the same port to which the server is listening at. Once connected, with scanf we just read a string from the keyboard and send it to the server. This way the server answer and data acquisition starts. Data sent from the server are read with the recv statement (one character at a time). In the above example the reading loop lasts forever and just print characters on screen. You can, of course, write data on a file until some event happens (e.g. key pressed, maximum number of data received, etc.).

This post was kindly sponsored by Farnell Element14. You can find all the electronics components described above on their online shop.

La Maker Faire 2014 a Roma

La Maker Faire del 2014, ospitata a Roma dal 3 al 5 ottobre, si è conclusa ed è stato un successo strepitoso e inimmaginabile: 100.000 visitatori (avete letto bene: centomila) nei tre giorni di fiera.

Io ero lì in doppia veste di maker e di rappresentante di Sapienza. Come maker ho esposto il mio ARC, il dispositivo che ho costruito con un Arduino e una scheda GSM che mi permette di avviare la lavatrice (o qualunque altro elettrodomestico) da un qualunque telefono.

L’esperienza della Maker Faire mi ha fatto capire quanto sia distorta la percezione che ha la maggior parte delle persone relativamente alla tecnologia. Il mio ARC, infatti, funziona in modo semplicissimo: si usa come se fosse una ciabatta. Per attivare DSC_0290l’erogazione di corrente basta fare una telefonata. Alla telefonata successiva l’erogazione di corrente s’interrompe. Quando cominciavo la mia spiegazione, i visitatori spesso mi anticipavano ipotizzando che il comando di start si dovesse dare attraverso un SMS o per mezzo di un’App, oppure che occorresse collegarlo alla rete WiFi. Nessuno pensava che bastasse una comune chiamata vocale per farlo funzionare. L’espressione che si disegnava sui loro volti quando se ne rendevano conto era bellissima: un misto d’incredulità e di ammirazione per una trovata che evidentemente consideravano geniale, ma che io pensavo fosse ovvia.

L’altra cosa che ho imparato è che il marketing è importante! Il primo giorno di esposizione il numero di persone che si è avvicinata per chiedere spiegazioni è stato alto, ma sopportabile. Per dimostrare il funzionamento dell’ARC gli avevo collegato una lampada che evidentemente non destava particolare interesse. Il giorno successivo ho messo davanti la lampada l’immagine stampata di una lavatrice, cui avevo praticato un buco in corrispondenza dell’oblò da cui si vedeva la luce della lampada quand’era accesa. Beh, l’immagine della lavatrice ha fatto sì che praticamente tutte le signore si avvicinassero al banco incuriosite ;-). Non ho più avuto il tempo nemmeno per un caffè. Per fortuna i miei vicini di banco erano in due e uno di loro mi ha procurato qualcosa da mangiare e da bere. E dopo la spiegazione, se avessi avuto diversi esemplari dell’ARC, almeno un centinaio l’avrei venduto!

Per Sapienza, oltre alla premiazione degli studenti che hanno partecipato al bando per esporre i loro prodotti, ho tenuto un light talk, nel quale discutevo il circolo virtuoso che s’innesca quando la ricerca scientifica risolve problemi personali, che forniscono lo spunto per una didattica innovativa, che a sua volta permette di formare studenti che si possono dedicare alla ricerca con profitto.

Ho cominciato il talk definendo il maker. L’essere un maker non è un titolo, ho detto, né tantomeno un mestiere: è un’attitudine! Un maker ai distingue da un artigiano perché nell’essere maker è connaturata la tendenza a condividere con gli altri il proprio sapere. Un artigiano fa il suo lavoro e si fa pagare. Un maker, invece, fa il suo lavoro, si fa pagare e vi spiega come rifare il lavoro da soli la prossima volta. Sarete voi a scegliere se all’occorrenza se avvalervi nuovamente della sua opera o meno. In definitiva, l’artigiano campa all’ignoranza altrui, il maker sulla competenza propria.

Il Programma della Maker Faire di Roma

Il prossimo fine settimana, a Roma, ci sarà uno degli eventi più importanti al mondo per l’innovazione tecnologica: la Maker Faire. Grazie al movimento dei maker siamo forse all’alba di una nuova rivoluzione industriale.

Ieri sera Massimo Banzi, l’inventore di Arduino, è stato ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa” (prima era stato ospite di Obama alla Casa Bianca, perché anche se in Italia non lo conosce nessuno, Banzi è una star oltreoceano). Nel suo discorso ha detto una frase che anch’io avevo pronunciato in occasione dello Scratch Day dello scorso maggio: “se insegniamo ai nostri bambini a programmare, possiamo partecipare alla programmazione del futuro invece che subirlo”.

Alla Maker Faire ci sarò anch’io con il mio progetto dell’ARC: in effetti quello di ARC è stato uno dei primi progetti sottomessi per la mostra (infatti porta il numero 36, su circa un migliaio di progetti). All’indirizzo http://www.makerfairerome.eu/project/the-arc-36/ potete vedere i dettagli. E ci saranno anche i progetti di Sapienza che ho contribuito a selezionare tra quelli proposti dagli studenti (sono stato nominato nella commissione per la selezione).

Mi è anche stato chiesto di tenere un light talk, della durata di 30 minuti circa, sull’intreccio tra ricerca scientifica, interessi personali, didattica e innovazione e di come l’una influenzi l’altra. Il light talk è previsto per sabato alle 13:00.

Non si può non osservare che anche Scratch è massicciamente presente alla Maker Faire: lo proposi per la prima volta alla Scuola Oberdan due anni fa e l’anno scorso alla Scuola Franceschi (entrambe a Roma Monteverde) e, dal momento che del progetto erano tutti entusiasti, credo proprio che si rifarà anche quest’anno (mi hanno già annunciato che vogliono convocarmi per parlarne).

Sono contento! Sembra che finora abbia individuato molto presto (e fortemente supportato) tutte le tecnologie più innovative e rivoluzionarie di successo: partendo da Linux, e dalla filosofia dell’Open Source, per poi passare a Scratch e ad Arduino. In un certo senso anch’io sto contribuendo alla nuova rivoluzione industriale, no?

Fisica Sperimentale: nuova versione disponibile

Grazie al prezioso lavoro di un non piccolo numero di attenti lettori, ho provveduto ad aggiornare i contenuti del mio e-book sulla Fisica Moderna, che è ora disponibile nella versione aggiornata sul mio sito istituzionale www.roma1.infn.it/people/organtini/publications, sempre con licenza Creative Commons.

Nella nuova versione sono stati corretti alcuni refusi e sono stati profondamente modificati i paragrafi relativi al corpo nero. Anche il capitolo nel quale s’illustra il fenomeno dell’aumento della massa nei sistemi di riferimento in moto è stato rivisto per precisare che in realtà tale fenomeno non esiste, se non come un comodo sistema per eseguire semplici stime (che tuttavia può portare a degli errori). In effetti ero stato tentato di sopprimere quelle considerazioni, ma poi mi ero deciso a includerle perché il fenomeno è comunque descritto in molte pubblicazioni e in molti libri di testo.

Ho presentato il testo a un convegno a Catania. I contenuti e sopra tutto l’approccio sono stati molto apprezzati. In quell’occasione è risultato abbastanza chiaro che quello di Fisica Sperimentale è l’approccio corretto: bisogna ricostruire un percorso scolastico che elimini una lunga serie di inutili concetti e che sia profondamente ripensato alla luce della fisica moderna. Il mio collega Marco Giliberti, di Milano, ha fatto giustamente notare che chi dice che la fisica classica ha a che fare con oggetti indipendenti dal formalismo della teoria e per questo reali, dice il falso: le forze ne sono un esempio evidente. Le forze non esistono se non nella visione Newtoniana della Meccanica. Hanno senso solo quando si scrive F=ma. Non hanno alcuna realtà al di fuori di quel paradigma. Se vogliamo che i nostri studenti capiscano la fisica moderna non dobbiamo insegnare loro la fisica classica per poi smontarla! Dobbiamo far scoprire loro la fisica che conosciamo oggi senza doverli stupire con “effetti speciali”, che sono tali solo perché li abbiamo nutriti per anni di concetti sbagliati.

Spero che i miei impegni mi permetteranno, in un futuro non lontano, di completare l’opera di Fisica Sperimentale in questo senso. L’obiettivo è quello di arrivare a un corpus di fenomeni e di leggi fisiche tra loro coerenti, costruito in maniera rigorosa e coerente.

Grazie a chi ha contribuito, con donazioni o con consigli e segnalazioni di errori o imprecisioni.

 

 

La pirateria e il cinema

Ieri è uscita su Repubblica un’interessante inchiesta su cinema e pirateria (o meglio su cinema e la cosiddetta pirateria, perché la pirateria è tutt’altro). L’inchiesta è molto interessante perché conferma ciò che chi, come me, difende il paradigma della condivisione dei contenuti, non solo non produce alcun danno a chi i contenuti li produce, ma al contrario ne aumenta il giro d’affari.

Secondo i dati riportati nell’inchiesta le vendite di biglietti al cinema sono aumentate del 33% dal 2009 al 2013, nonostante che nello stesso periodo le piattaforme di download illegale siano aumentate, così come i reati commessi in questo settore.

A me è sempre stato chiaro che coloro che si oppongono alla libera circolazione dei contenuti stavano facendo male sopra tutto a sé stessi. Mi pare infatti del tutto evidente che negare la visione di un film o l’ascolto di un brano musicale scaricati da Internet sia il modo migliore per affossare la relativa industria.

In effetti, se uno ci pensa anche solo superficialmente, perché i lettori comprano i libri? Non certo per le storie in essi contenuti: se così fosse basterebbe recarsi in una qualunque biblioteca pubblica e prendere i libri in prestito senza sborsare un centesimo! Se uno compra i libri non è solo per sapere cosa c’è scritto dentro: è per il piacere di possedere un oggetto che non è solo un contenitore di parole, ma anche un elemento di arredo, un contenitore di ricordi personali e molte altre cose insieme. Se a uno piace leggere Buzzati, Calvino, Chiara, Malerba, non si sogna minimamente di fotocopiarsi un libro scritto da costoro: se lo compra e basta!

Se uno fotocopia un libro è perché non gli interessa e quindi non l’avrebbe mai comprato.

Lo stesso succede per altri settori: per anni, per esempio, i Musei hanno impedito di fotografare le opere per ragioni di copyright, pensando di poter ricavare denaro dalla concessione del diritto di riprodurre le opere esposte a qualche professionista. Ma è del tutto evidente che chi va a visitare un Museo non lo fa per vedere l’opera esposta per la prima volta in vita sua. Il ritratto della Gioconda di Leonardo si trova su tutti i libri da moltissimo tempo e ora anche su Internet. Ma questo non impedisce al Louvre di vendere biglietti per vedere l’opera dal vero! Che non è la stessa cosa che vederla stampata sulle pagine di un libro. È così che ora si sono accorti che accordare il permesso di fotografare e pubblicare sui propri Social Network le opere esposte non solo non fa diminuire il numero di biglietti venduti: li fa addirittura aumentare a dismisura! Alcuni musei (ad esempio quelli del circuito Musei in Comune del Comune di Roma Capitale), addirittura incoraggiano questa pratica perché si sono resi conto che si tratta di un formidabile veicolo pubblicitario molto più efficace di qualunque campagna che costerebbe migliaia di euro. Se vedo un tweet di un amico che è entusiasta per la visita a una mostra, con tanto di foto, sono molto più invogliato ad andarci che se vedo il manifesto pubblicitario della stessa.

Per il cinema: quanti film portano un titolo sbagliato o sono stati pubblicizzati con trailer poco efficaci? Spesso uno non va a vedere un film semplicemente perché ha l’impressione che non possa essere di suo gradimento. Se lo facesse e rimanesse deluso diventerebbe sempre più restio a rischiare; se non lo facesse e se ne pentisse sarebbe comunque frustrato. Se vado al cinema, personalmente, non ci vado per vedere un film: ci vado per vedere un film al cinema! Che è diverso. Non è la stessa cosa vedere un film in TV o al cinema. È tutto molto diverso! Non solo per la dimensione dello schermo, la sonorità e le altre questioni tecniche, ma per il fatto di stare in un determinato ambiente, con altre persone anche se non le conosci, per il contorno (poi si va a cena o si fa una passeggiata)… Se potessi vedere liberamente un film e mi piacesse sicuramente andrei a vederlo al cinema (sapeste per quanti mi sono pentito di non essere andato!).

È naturale che, con l’avvento di una cultura di questo tipo, aperta alla condivisione, devono cambiare i modelli di business, ed è questo che spaventa i produttori. Certo è che se uno si ostina a mantenere i modelli che finora hanno funzionato è danneggiato dalla condivisione dei contenuti, ma se uno si adegua il suo giro d’affari può aumentare a dismisura, come ha dimostrato il sistema operativo Linux (dal quale tutta questa nuova economia è partita) che da sistema riservato a pochi eletti (e talvolta fanatici), è diventato in pochi anni il sistema operativo più diffuso al mondo, scalzando colossi del calibro di Microsoft.

Senza contare che questi modelli sono molto più etici dei modelli tradizionali: Linus Torvalds, l’inventore di Linux, o Massimo Banzi (l’inventore di Arduino) riescono certamente a ottenere introiti importanti sfruttando le loro invenzioni, senza per questo limitare le possibilità di coloro che possono impiegarle per i loro fini. Gli introiti di queste persone non raggiungeranno mai i livelli di Bill Gates o di altri imprenditori che limitano la libertà di coloro che usano i loro prodotti, ma lo stesso (se non maggiore) volume di affari potrà essere distribuito su una fetta molto più ampia di persone, consentendo comunque un livello di benessere ai loro inventori più che dignitoso. Banzi dovrebbe essere considerato l’ambasciatore dell’Italia nel mondo, non Antonio Conte!

Sono convinto che la crisi economica di questi anni sarà spazzata via da questa nuova cultura: in un futuro non troppo lontano vedo già nuovi lavori e nuovi modelli di business all’orizzonte, basati sulle nuove tecnologie aperte e un più diffuso livello di benessere. I Governi dovrebbero incoraggiare questi modelli, rimuovendo norme invece che introducendone di nuove. Speriamo solo che prima o poi anche i nostri politici se ne accorgano. Per quanto mi riguarda cerco di fare la mia parte, insegnando ai miei studenti l’uso di queste tecnologie e utilizzandole tutti i giorni per lavoro o per diletto.

 

Scratch Day 2014: analisi dei risultati

Dopo lo Scratch Day del 17 maggio scorso abbiamo sottoposto a bambini e genitori un questionario, i cui risultati presentiamo oggi. Alla domanda “hai mai usato Scratch?” i bambini hanno risposto per il 71% “Lo uso spesso”, mentre quasi tutti i genitori indicano “L’ho provato oggi per la prima volta”: segno che ai bambini è piaciuto e che hanno lavorato in autonomia anche a casa.

Bambini e genitori sono concordi nel non considerare Scratch come “qualcosa per la quale in futuro potrei scegliere una professione tecnologica”. Hanno tutti colto molto bene lo spirito dell’iniziativa, sostenendo che Scratch è per lo più “Uno strumento che stimola fantasia e creatività“. Le stesse indicazioni vengono dalla risposta alla domanda “CosaCosa-ti-e-piaciuto-bambini ti è piaciuto di Scratch?”. I genitori indicano per il 50% “la possibilità di animare una storia”; i bambini si dividono in risposte diverse che però hanno in comune l’elemento creativo e ludico (vedi figura).

Dello Scratch Day ai bambini è piaciuto di più condividere i propri lavori, mentre i genitori mostrano d’aver particolarmente apprezzato la videoconferenza. Segno che ai bambini piace lo spirito di condivisione tipico dei makers, mentre gli adulti, nati quando certe tecnologie non esistevano, sono ancora colpiti dalle possibilità offerte dalla rete.

Interessanti anche alcuni commenti liberi dei genitori:

  • Credo che questo sia il modo piú divertente e ingegnoso per aiutare i nostri figli a usare la propria fantasia e genialità
  • Mi auguro che ci siano ulteriori possibilità per mia figlia di entrare in contatto con persone e progetti simili
  • Mi ha fatto molto piacere vedere la classe di mia figlia coinvolta nella programmazione
  • Mi è piaciuto lavorare con mio figlio inventando le storie insieme a lui che mi insegnerà a usare Scratch
  • Un buon modo di imparare e condividere. È stato piacevole vedere mia figlia insegnare Scratch al fratellino, che si è appassionato
  • Mi è piaciuto interagire di piú con mio figlio

In definitiva l’esperienza è decisamente positiva, anche per quel che riguarda gli obiettivi del progetto: bambini e genitori hanno capito entrambi che imparare un linguaggio di programmazione non significa “star seduti davanti a un computer”, ma “esercitare la propria creatività“. Se a questo aggiungiamo lo spirito positivo prodotto dal libero scambio di idee possiamo sicuramente sperare che le prossime generazioni sapranno dare vita a un’economia basata sulla condivisione e non sulla privazione e le restrizioni, come quella tuttora dominante.

Le foto dell’evento sono a questo link.

Un e-book sulla Fisica Moderna

Sono molti gli insegnanti delle scuole nelle quali faccio i miei seminari che mi chiedono con insistenza materiale didattico per sé e per i loro studenti. Sfortunatamente nel panorama editoriale (anche internazionale) non ci sono, a mio modo di vedere, prodotti adeguati. I testi, infatti, si dividono in due categorie: quelli destinati agli studenti universitari in discipline scientifiche, troppo specialistici, e quelli destinati al grande pubblico, eccessivamente banali.

Gli studenti bravi trovano questi ultimi interessanti, ma per certi versi deludenti, perché abituati a studiare la fisica in un certo modo, hanno l’impressione che gli si stia nascondendo qualcosa o che gli si stia raccontando una favoletta.

Allora ho pensato di colmare questo vuoto realizzando un prodotto che credo innovativo sotto molti aspetti: nelle modalità di distribuzione (gratuito e libero con licenza Creative Commons), nei contenuti e nel linguaggio (pensati per insegnanti e studenti volenterosi, ma adatti anche a studenti meno preparati, che possono saltare le parti piú formali), e nella tecnologia (quasi tutta Open Source, con filmati embedded nel testo, che è cosí adatto a essere sfogliato su un computer o su un tablet).

Ieri ne ho rilasciato la prima versione pubblica in due formati: il landscape è il formato preferito, che consente di leggere il volume sullo schermo di un dispositivo avendo accesso ai filmati e ai link di ipertesto; il portrait per coloro che amano la carta e desiderano averne una versione stampata (si perde la funzionalità dei filmati e dell’ipertesto, ma si può comunque accedere ai primi attraverso i link che sono sempre riportati in calce agli spazi predisposti per i filmati).

Potete scaricare entrambe le versioni all’indirizzo http://www.roma1.infn.it/people/organtini/publications. Si tratta, come detto, di una prima versione e come tale potrebbe contenere errori (tipografici, di fisica e di calcolo). Non ne garantisco la totale correttezza, per quanto abbia fatto il possibile. Se ne trovate, segnalatemeli. Sentitevi liberi di distribuire i link a chi vi pare.

Compreresti un libro che non puoi prestare?

Immagina che un editore abbia la possibilità di impedirti fisicamente di prestare un libro che hai regolarmente acquistato, e che ti è piaciuto, a un tuo amico. Lo compreresti? Probabilmente no.

Eppure questo è quello che accade a moltissimi contenuti digitali: dagli e-book alla musica, ad altre forme di intrattenimento o di cultura, a numerosi strumenti di lavoro. La pratica di applicare restrizioni sui cosiddetti diritti di chi vende questo tipo di contenuti si chiama in inglese Digital Restriction Management: DRM.

Immagine

Per molti (me incluso) è un’indebita forma di ricatto e di violazione della libertà. Avrete forse sentito parlare di una storia uscita tempo fa sui giornali secondo la quale l’attore Bruce Willis avrebbe citato in giudizio una nota casa di produzione di contenuti digitali perché avrebbe voluto lasciare in eredità ai figli la sua sconfinata collezione di musica in formato digitale. La storia si rivelò falsa, ma potrebbe non esserlo: Bruce Willis infatti non aveva citato nessuno in giudizio, ma in effetti i contratti che si accettano per acquistare questo tipo di contenuti non permettono, in linea di principio, di lasciare tali contenuti in eredità o di prestarli. Il fatto che le aziende che vendono tali contenuti non agiscano legalmente contro chi lo fa è semplicemente dovuto al fatto che al momento il mercato non è abbastanza diffuso da rendere consigliabile un’operazione del genere.

Oggi è la giornata di liberazione dai DRM. Informate quanta più gente potete e fate quanto potete per combattere questa pratica che ricorda molto il fiorino che Troisi e Benigni dovevano pagare al casellante ante litteram in “Non ci resta che piangere”. Iscrivetevi, come me, gratuitamente, sul sito http://www.defectivebydesign.org/ per essere informati circa azioni da intraprendere in futuro.

 

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑